Latte di mandorla autoprodotto senza estrattore

latte-0Da buona pugliese adoro le mandorle in tutte le sue declinazioni. Da un pò di tempo le ricette vegane mi incuriosiscono tanto da approfondire più possibile la mia conoscenza in questo nuovo mondo. Così ho iniziato ad introdurre più frutta, verdura e semi nella dieta quotidiana della famiglia. I semi svolgono un ruolo importantissimo nella dieta, ci danno quell’energia giusta per affrontare i ritmi serrati delle nostre giornate. Proprio per questo la mia colazione mattutina la completo sempre mangiando un piccolo mucchietto di semi, semi di girasole, semi di zucca, nocciole, insomma ogni giorno un gusto diverso, ma i miei preferiti sono le mandorle. Le adoroooo!

Presa dalla passione dei semi ho iniziato a sperimentare anche l’autoproduzione del latte.lattem-0Ecco che oggi vi propongo un latte molto profumato, il latte di mandorla autoprodotto, ricco di calcio e tante vitamine, un’ottima alternativa al latte vaccino.Per chi invece è abituato a bere quotidianamente il latte vaccino può considerare di introdurre il latte di mandorla nei giorni in cui la digestione risulta diffile, poichè questo latte è altamente digeribile, disintossicante e rinfrescante per stomaco e intestino.

Il suo gusto leggero e profumato è gradevolissimo, si può bere anche macchiato con del caffè e dolcificato con zucchero di canna integrale che ben si sposa con il suo aroma.La mia ricetta è semplicissima, non prevede l’estrattore, per cui, con un semplice minipimer o frullatore ed un colino a doppia maglia, potete realizzarvi un ottimo latte di mandorla vegano ricco di  freschissime vitamine.

Ingredienti:

  • 150g di mandorle pugliesi (con buccia)
  • 1 L di acqua (temperatuta ambiente)
  • 10 mandorle amare
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna integrale
  • 1 pizzico di vaniglia (facoltativo)
  • 1 colino a doppia maglia

Procedimento:

Mettete le mandorle in un contenitore, copritele di acqua corrente e lasciatele così per almeno 12 ore. Trascorso questo tempo, introducete le mandorle in un bicchierone, copritele con mezzo litro di acqua (tolta dal litro elencato nella ricetta) e frullatele per qualche minuto.

latte-m-4Successivamnete aggiungete il restante mezzo litro di acqua, mescolate bene e lasciate riposare il tutto per almeno un’ora in frigorifero. Ora riprendete il composto ed iniziate a filtrare il liquido e la poltiglia attraverso un colino a doppia maglia, aiutandovi anche con un bicchiere che spingerà sul fondo la graniglia della mandorla dalla quale uscirà tutta l’essenza.latte-m-1Con pochissimi passaggi il latte di mandorla ora è pronto. Dopo averlo dolcificato a vostro piacimento trasferitelo in una bottiglia e riponetelo in frigorifero e consumatelo entro tre giorni. Ricordate che realizzando il latte con le mandorle non pelate quest’ultimo sarà più ricco di tutte le vitamine contenute nella buccia.lattem5Gustatelo al naturale o  macchiato con il caffè, la vostra colazione si arricchirà di una carica in più.latte-m2La posa delle mandorle frullate non buttatela, potete introdurla nell’impasto di una  ciambella darà una nota profumata, oppure arricchite il vostro yogurt bianco mangiato a merenda.

Un’idea in più. Granita di mandorlegranita-2Per realizzare la granita di mandorle, dovete solo modificare un passaggio, cioè dopo l’ammollo delle mandorle di 12 ore, dovete pelare le mandorle e continuare il procedimento come riportato sopra, lasciando almeno per due ore le mandorle frullate nell’infuso.

Dopodichè filtrate il tutto e mescolate 500 gr. di latte di mandorla con 150 gr. di zucchero bianco, aggiungete anche tre cucchiai della posa delle mandorle frullate e mezzo cucchiaino di vaniglia Burbon. Trasferite il composto in un pentolino e fate bollire la crema per 5 minuti. Ora montate con un frullatore o minipimer per cinque minuti la crema ancora calda, poi rasferitela in un contenitore di acciaio e riponetela in frezeer per almeno 3 ore.

Mi raccomando ogni mezz’ora mescolatela con una forchetta così risulterà cremosa ed omogenea.granita-mandrle1La granita di mandorle è ottima affogata con il caffè caldo.

Provatela!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *